Stabilire confini

Stabilire confini

Stabilire confini

Autore: Cosimo Mercuri

"Perciò uscite di mezzo a loro e separatevene (aforizô, mettete dei confini, dei limiti, degli "orizzonti") dice il Signore..." (2 Corinzi 6:17)

Mettere dei limiti vuol dire tracciare delle linee con gli altri (e con noi stessi) che non devono essere superate.

Edward T. Hall e Robert Sommer, pionieri nello studio dello spazio personale, assicurano che i limiti racchiudono e avvolgono una persona a un livello che va oltre quello fisico.

È grazie a essi che ci sentiamo protetti mentalmente e fisicamente, rappresentano un rifugio dove sentiamo che nessuno può aggredirci con i suoi commenti o comportamenti.

Tuttavia, i due studiosi hanno rivelato che nella vita di tutti i giorni l’essere umano troppo spesso sorvola sui suoi limiti, non cura le sue barriere con la cura necessaria a non farle cadere.

Imparare a mettere dei limiti significa anche dire "no" quando vogliamo, senza sentirci obbligati a soddisfare gli altri.

Stabilire confini salutari, ben chiari e precisi, equivale a mantenere una buona salute mentale.

Non solo: i nostri rapporti interpersonali miglioreranno, mettendo bene in chiaro cosa è e cosa non è per noi ammissibile. Questo esercizio quotidiano permette inoltre di mettere in chiaro la propria identità, i propri valori e di esercitare un’assertività altamente efficace, con la quale sentirsi sicuri in qualunque situazione.

“Non togliere il confine antico, realizzato dai tuoi padri”

(Proverbi 22:28)

Stabilire Confini

Stabilire Confini

 

Il presente sito ha carattere amatoriale e non costituisce per definizione una effettiva fonte di notizie e informazioni a carattere periodico e ricorrente.
Marchi, loghi ed immagini presenti sul sito, se non diversamente specificato, appartengono ai rispettivi proprietari e di chi ne detiene i diritti ovvero da un link al sito del proprietario.